lunedì, dicembre 14, 2009


LA FAVOLA DEL BRUTTO ANATROCCOLO
CHE DIVENTO' UN..POLIPO
Già vi ho narrato la fiabesca vicenda del ragazzino addetto a governare i maiali che diventò un Campione.
Rousimar"Toquinho"Palhares, l'alfiere del Brazilian Top Team ormai in decadenza, reduce da un gravissimo infortunio, ha trionfato sulla malasorte e sul connazionale Linhares nei Medi all' UFC 107.
E' bene che piagnoni e criticoni borghesucci sappiano cosa può questo sport, al pari di altri da combattimento è in grado di realizzare sogni. Toquinho il timido e il modesto, Toquinho il tornado del Jiu-Jitsu ha realizzato i suoi di sogni e anche un po' quelli miei, in quanto un ragazzo poverissimo e disgraziato socialmente ha scalato a colpi di armlock e triangoli la dura china della gloria, arrivando in cima. Con la bravura e con il CUORE Toquinho ha sopraffatto la sfiga e le cattive condizioni native, col suo valore e senza bisogno di amici potenti in politica o al Vaticano è divenuto uno dei migliori.
Il ragazzino che schiattava dalla fame e si cibava col rancio dei porci è lassù, e senza nemmeno arroganza ci guarda benevolo dalla vetta, a noi semplici mortali. Il dolore, le inenarrabili privazioni, le umiliazioni e la paura del domani, lui le ha vinte da solo.
Mentre i calciatori mezzofroci gasati si organizzano partite truccate e schiodano "stipendi" da 1 milione di euri al mese per la truffa, il Guerriero del Sertao sta lì, tranquillo in mezzo alla gabbia, e risplende di valore.
Vi regalo il video del bellissimo incontro, un concentrato spettacolare di tecnica ai massimi livelli, unite nel post-match allo spirito sportivo dell'uomo che è grande dentro.

1 commento:

Cesco ha detto...

Bravissimi entrambi!! Un video pregno di tecnica...